[ Webinar ] 🕵️♀️ La roadmap dei prodotti Mercateam: rilasci chiave nel 2022 e rivelazioni del 2023 ❤️ [Giovedì 27 gennaio 2023]
logo mercateam

La gestione dei talenti, una strategia chiave per i produttori

La pandemia ha portato la sua parte di sconvolgimenti, in particolare nel rapporto con il lavoro. Sebbene molti settori soffrano ancora di una carenza di competenze, le aziende fanno bene a implementare una politica di gestione dei talenti. La gestione dei talenti aiuta a trattenere e coinvolgere la forza lavoro rimanendo sufficientemente agile in un ambiente incerto.

In questo articolo spieghiamo cosa si intende per gestione dei talenti, perché le aziende industriali dovrebbero interessarsi a questo tema e, infine, come attuare questa strategia.

Gestione dei talenti

Che cos'è la gestione dei talenti?


La gestione dei talenti consiste nell'attrarre, trattenere e coinvolgere i dipendenti di un'azienda. È una strategia che va ben oltre le questioni di reclutamento.

Prima di proseguire, esaminiamo il termine che ci interessa di più: il talento.

Per "talento" si intende un dipendente che sia competente nel suo lavoro e che abbia la capacità di svilupparsi in modo interessante. Ad esempio, una persona esperta nel suo settore e che abbia dimostrato una certa dose di soft skills, sempre più apprezzate nelle assunzioni. Non esiste una definizione precisa di talento, in quanto ogni azienda valuta il know-how e le capacità relazionali in modo diverso a seconda del settore di attività.

In breve, iltalento è una risorsa chiave che le aziende non vogliono perdere. Detto questo, è comprensibile che la gestione di questi talenti sia una vera e propria questione strategica.

Tuttavia, la gestione dei talenti non si limita a individuare i dipendenti più promettenti. L'azienda deve creare un ambiente favorevole allo sviluppo del potenziale di ciascun individuo, in particolare attraverso la formazione continua. La gestione dei talenti non riguarda quindi solo il presente, ma anche (e soprattutto) il futuro! Essendo pienamente consapevoli dei propri talenti e di come possono evolvere, le aziende sono meglio equipaggiate in un ambiente in rapida evoluzione.

Tutte le organizzazioni sono quindi interessate dalla gestione dei talenti. Nel seguito di questo articolo ci concentreremo sul caso delle aziende industriali, dove la posta in gioco è forse ancora più alta.

Gestione dei talenti,
indispensabile per gli industriali?


Se vi state chiedendo quale sia l'impatto della gestione dei talenti su un'azienda manifatturiera, vi diamo una cifra: 67%. Questa è la percentuale di dirigenti dell'industria manifatturiera che affermano di avere difficoltà di assunzione nel 2022 (fonte: Insee). È la prima volta in oltre 30 anni che questa cifra è così alta.

A ciò si aggiunge il problema della carenza di competenze, che si aggrava ogni anno di più. Nell'industria, alcune posizioni chiave richiedono un elevato livello di conoscenze tecniche, che i reclutatori faticano a trovare. Il mercato è favorevole ai lavoratori, poiché le offerte di lavoro sono più numerose delle candidature.

Infine, va ricordato che il settore industriale soffre di una scarsa immagine e ha difficoltà ad attrarre le giovani generazioni.

Di fronte a queste difficoltà, le aziende industriali hanno tutto l'interesse a investire nella gestione dei talenti, per almeno tre motivi:

Motivo 1: Evitare la perdita di competenze chiave.

La gestione dei talenti implica una conoscenza approfondita delle capacità e delle competenze richieste per ogni posizione. Un'azienda che è pienamente consapevole delle competenze di cui dispone ha maggiori probabilità di far fronte a un'interruzione del lavoro o a un pensionamento.

Motivo 2: Attirare i migliori talenti

La gestione dei talenti riguarda anche l'employer branding. Quest'ultimo, infatti, è strettamente legato al monitoraggio del percorso di carriera di ciascun dipendente. La gestione dei talenti ci permette di garantire che i dipendenti possano svilupparsi in modo adeguato all'interno dell'azienda.

Motivo 3: Motivare e trattenere i dipendenti

Questa terza ragione è strettamente legata alla precedente. La motivazione e la fidelizzazione non riguardano solo lo stipendio. I dipendenti che si sentono valorizzati e a cui viene offerto uno sviluppo di carriera hanno meno probabilità di lasciare l'azienda rispetto a quelli che non lo fanno.

Nel 2022, la gestione dei talenti è quindi essenziale per le aziende industriali che vogliono rimanere competitive. Ma come si può attuare?

7 chiavi per creare una strategia di gestione dei talenti

L'implementazione di una strategia di gestione dei talenti non avviene da un giorno all'altro. Vediamo i punti che dovrebbero attirare la vostra attenzione.

1. Definire i talenti di cui avete bisogno

Come già detto, ogni azienda ha una propria definizione di talento. Sta a voi definire le vostre: quali sono le competenze e le attitudini più rilevanti per ogni lavoro?

È anche un'opportunità per scoprire se questi talenti sono già presenti in azienda.

2. Attirare le persone giuste

Per attirare i talenti è ovviamente necessario comunicare la ricerca. Pensate in particolare a scrivere un'offerta di lavoro attraente e in linea con la realtà. Offrire anche uno stipendio adeguato e competitivo rispetto alle offerte della concorrenza. Infine, tenete presente che il marchio del datore di lavoro può essere un fattore decisionale importante per i candidati.

3. Un attento on-boarding

Secondo uno studio di Hay Group, il 22% dei nuovi assunti lascia l'azienda dopo 45 giorni! Questa cifra diminuisce drasticamente quando l'azienda si prende cura in modo particolare dei nuovi arrivati.

4. Formazione continua

Spesso è più facile sviluppare le competenze dei dipendenti attuali che assumere nuovi talenti. Detto questo, anche i nuovi arrivati possono trarre beneficio dallo sviluppo delle competenze se questo è in linea con il loro progetto professionale e con la strategia aziendale. (Per saperne di più: Passaggio da GPEC a GEPP nel 2022)

5. Misurare le prestazioni

Per essere efficace, la strategia di gestione dei talenti deve basarsi su misure quantitative. Nell'industria, è interessante definire metriche per valutare le prestazioni della linea di produzione. Inoltre, un dialogo regolare con i dipendenti può aiutarvi a identificare quelli a cui potete affidare ulteriori responsabilità.

6. Capacità di tracciamento e autorizzazioni

Una strategia efficace di gestione dei talenti va di pari passo con un'ottima conoscenza delle competenze all'interno dei team. Questo aiuta i manager a posizionare gli operatori nelle posizioni più interessanti, facilitando al contempo la gestione della carriera dei loro team.

7. Anticipare il futuro

La gestione dei talenti è una strategia a lungo termine. È importante stabilire un dialogo regolare tra i team operativi, i dirigenti e la direzione per garantire che le competenze chiave rimangano in azienda. Coinvolgere i dipendenti nel trasferimento delle conoscenze è un buon modo per raggiungere questo obiettivo.

In pratica

La strategia di gestione dei talenti richiede una visione globale delle competenze presenti in azienda. Questa è spesso una sfida, soprattutto per i manager che non hanno visibilità. Investire in uno strumento di tracciamento dei talenti aiuta a risolvere questo problema.

Mercateam fornisce una mappatura accurata dei talenti presenti in azienda e di quelli che mancheranno in futuro con l'evoluzione del business. Per saperne di più, chiedeteci una demo.

Iscriviti alla nostra newsletter

chevron-down-circle