logo mercateam
22 giugno 2022

5 passi chiave per digitalizzare il vostro know-how industriale

Nel giro di due anni, il numero di ricerche su Google per il termine "digitalizzazione" è più che raddoppiato. Sulla scia della crisi sanitaria, le aziende di tutto il mondo si sono rese conto dell'importanza di accelerare questa trasformazione digitale, senza la quale la loro competitività subirebbe un duro colpo. Mentre la teoria è relativamente semplice da capire, la pratica è un po' più complessa. Alcuni settori hanno una lunga strada da percorrere e quindi hanno molto lavoro da fare per abbandonare la carta. 

Tuttavia, la digitalizzazione non può essere definita come il semplice passaggio dalla carta alla tastiera. La digitalizzazione di un'azienda prevede infatti l'utilizzo di soluzioni digitali, il cui scopo principale è quello di ottimizzare i processi e consentire ai dipendenti di concentrarsi su attività ad alto valore aggiunto. 

Una tale trasformazione non può avvenire dall'oggi al domani. Per evitare di affrettare i tempi, ecco 5 idee che vi aiuteranno a completare con successo il vostro progetto di digitalizzazione.

Digitalizzazione

Digitalizzazione: quale strada percorrere?

La digitalizzazione del know-how deve consentire di migliorare i processi esistenti. Pertanto, prima di iniziare il progetto, un primo passo è quello di definire con precisione : 

> Perché è necessario digitalizzare il proprio know-how

In altre parole, quali sono le ragioni concrete per passare al digitale? Ad esempio, potreste aver individuato dei punti deboli nei vostri processi: i costi di produzione sono troppo elevati, è difficile tenere traccia delle competenze degli operatori, si dedica troppo tempo alla gestione dei programmi, ecc. 

L'identificazione di ragioni sufficientemente dolorose aiuterà a coinvolgere le parti interessate nel progetto.  

> Quali sono gli obiettivi di questa digitalizzazione?

Una volta individuato il "perché", è necessario stabilire gli obiettivi da raggiungere. Questi devono essere sufficientemente SMART: specifici (un obiettivo per un problema), misurabili, realizzabili, raggiungibili e limitati nel tempo. Ad esempio: 

  • Ridurre il numero di guasti del 50% nei primi 6 mesi.  
  • Dedicate metà del tempo alla preparazione dei programmi del team non appena la soluzione viene implementata. 

Comunicare sul progetto di digitalizzazione

Quando si modificano processi in atto da molti anni, può verificarsi una resistenza al cambiamento. In effetti, un numero significativo di progetti che prevedono un cambiamento delle abitudini lavorative fallisce. Ciò è spesso dovuto a una mancanza di comunicazione all'interno dei team. 

È quindi essenziale creare coesione intorno al progetto il prima possibile.  

Le prime persone da convincere sono di solito i dirigenti, senza i quali il progetto non può essere realizzato. Potete dimostrare come tale cambiamento avrà un impatto positivo sui costi dell'azienda.
Non va trascurata nemmeno l'importanza dei dipendenti per il successo del progetto. Anzi, spesso sono i primi a essere colpiti dalla digitalizzazione del loro know-how. Il successo di questo progetto dipende quindi anche dalla gestione del cambiamento, che non si deve esitare a iniziare prima dell'implementazione. 

Fare il punto sui processi esistenti

È ormai chiaro quali siano gli obiettivi della digitalizzazione del know-how e il sostegno delle parti interessate. È quindi giunto il momento di fare il punto sui processi esistenti.

Infatti, per digitalizzare il know-how dell'azienda, è necessario sapere che cos'è. Questa non è la fase più semplice, ma è fondamentale per il resto del progetto. In concreto, si tratta di elencare e dettagliare tutto il know-how che si vuole digitalizzare

Come promemoria, il know-how è definito come una "Competenza acquisita attraverso l'esperienza in problemi pratici, nell'esercizio di un mestiere" (Larousse). 

Pertanto, l'obiettivo di questo inventario è quello di elencare e descrivere le risorse e le conoscenze necessarie per realizzare un processo. Ad esempio: per produrre una bottiglia di profumo, abbiamo bisogno di X macchine, che richiedono Y operatori con Z competenze. Possiamo anche valutare l'attuale grado di digitalizzazione di ciascuna competenza. In questo modo è possibile definire quali azioni devono essere attuate in via prioritaria.

Definire le specifiche

La digitalizzazione significa anche gestione digitale dei dati, il che implica domande che devono essere esaminate in anticipo. La stesura di una specifica è essenziale per fornire risposte a queste domande e per definire l'ambito tecnico. Questo fornirà i dettagli delle tecnologie adattate agli obiettivi fissati dall'azienda.  

Anche la gestione dei dati è importante da considerare. In particolare, dovrete definire chi avrà accesso ai dati, dove e come saranno archiviati, come saranno protetti, ecc. 

Pianificazione del progetto di digitalizzazione

A questo punto, il quadro della situazione attuale è chiaro. Il passo logico successivo è la pianificazione del progetto di digitalizzazione. 

Per non perdere nessun passaggio, può essere consigliabile iniziare con un caso d'uso che possa dimostrare rapidamente i primi risultati e che possa essere facilmente implementato su larga scala. 

La fase di pianificazione prevede anche di riunire le persone giuste. In generale, il progetto viene portato avanti da un team multidisciplinare che comprende la direzione, il CIO (Chief Information Officer), i profili IT (Information Technology) e OT (Operational Technology). Anche la partecipazione di tecnici e operatori è un buon modo per gestire il cambiamento. 

A seconda della complessità delle vostre specifiche, è possibile ricorrere alle competenze di un fornitore esterno di servizi specializzato nelle sfide dell'Industria 4.0. Un player di questo tipo sarà in grado di supportarvi, dalla definizione della roadmap all'implementazione su larga scala dei vostri nuovi strumenti digitali. 

In sintesi

La digitalizzazione del know-how sta accelerando in molti settori. Nel settore industriale è ormai sinonimo di produttività grazie all'ottimizzazione dei processi aziendali. Tuttavia, la transizione al digitale implica una chiara visione della situazione esistente e degli obiettivi da raggiungere. Questa transizione non può essere realizzata senza pensiero strategico, comunicazione (molta!) e supporto di qualità. 

Iscriviti alla nostra newsletter

chevron-down-circle