[ Webinar ] 👨💻 Come Berry Global ha digitalizzato gli orari dei turni di lavoro [Venerdì 10 marzo 2023]
logo mercateam
11 aprile 2022

Industria 4.0: come garantire la competitività delle fabbriche intelligenti in Francia?

Cosa sai di Industria 4.0? Questo termine è usato per descrivere la quarta grande rivoluzione industriale, caratterizzata dai nuovi metodi di produzione usati nelle fabbriche. Infatti, per ottimizzare le loro linee di produzione, queste "fabbriche del futuro" si affidano all'intelligenza artificiale, alla robotica, all'Internet delle cose, alla stampa 3D e al cloud computing. Tutte queste tecnologie si stanno evolvendo alla velocità della luce e devono essere padroneggiate da qualsiasi azienda che voglia essere competitiva.

Nonostante i suoi settori tecnologici all'avanguardia, la Francia soffre oggi della deindustrializzazione iniziata 40 anni fa.

UNA FORTE SFIDA DI REINDUSTRIALIZZAZIONE PER LE FABBRICHE INTELLIGENTI

Mentre il divario nella bilancia commerciale della Francia è andato aumentando dall'inizio degli anni 2000, sembra che la crisi di Covid, e più recentemente la guerra in Ucraina, abbiano improvvisamente aumentato la consapevolezza della necessità di reindustrializzazione. Le cifre parlano da sole: la produzione di merci rappresentava il 23% del PIL francese negli anni '80. Oggi rappresenta solo il 13,5% secondo France Industrie.

I settori francesi all'avanguardia della tecnologia 4.0

Alcuni settori di alta tecnologia contribuiscono alla reputazione internazionale della Francia. Tra questi, naturalmente, l'industria dei beni di lusso (di cui la Francia è il leader mondiale), l'industria automobilistica (2° in Europa), l'industria aerospaziale (2° esportatore al mondo) e l'industria farmaceutica. A livello europeo, la Francia è addirittura il paese che attira più investitori stranieri.

Tuttavia, se ci stacchiamo da questi buoni studenti dell'industria francese, dobbiamo ammettere che la produzione di beni sul territorio è in costante calo da 40 anni. Le imprese private si sono rivolte a una competitività basata sui costi piuttosto che sul valore prodotto.

Se questa strategia ha permesso alla Francia di muoversi verso un'economia di servizi, gli eventi recenti evidenziano la necessità per uno Stato di avere risorse proprie.

La pandemia e la guerra in Ucraina sottolineano la necessità cruciale di reindustrializzare il paese

La crisi di Covid evidenzia un punto ovvio: un paese che dipende da altri è, per natura, un paese fragile. Più recentemente, la guerra in Ucraina si è aggiunta al problema: mentre la Russia fornisce quasi il 18% del gas mondiale, l'impennata dei prezzi dell'energia sta penalizzando le imprese francesi, soprattutto nei settori aeronautico e agroalimentare.

Questi sfortunati eventi hanno dato il via a una nuova era, e questo è particolarmente vero in questo periodo di campagna presidenziale."Dobbiamo reindustrializzare il paese". Questa è la parola d'ordine di tutti i nostri candidati.

Il problema è che la reindustrializzazione non avverrà da un giorno all'altro. E soprattutto non bisogna trascurare uno dei fattori chiave di successo di questa impresa: rendere più attraenti le professioni industriali.

FARE DELLA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI UNA PRIORITÀ ASSOLUTA PER AFFRONTARE LE SFIDE DELL'INDUSTRIA 4.0

La crescente complessità delle tecnologie industriali va di pari passo con requisiti sempre più elevati per il livello di qualificazione dei dipendenti. Nonostante il numero di posti vacanti nel settore industriale, le aziende stanno lottando per assumere.

Una carenza di competenze sul territorio

Non è più un segreto: in Francia, la mancanza di competenze è flagrante. Secondo la Banque de France, quasi il 40% dei dirigenti d'azienda ha difficoltà a reclutare.

Il motivo? La mancanza di interesse per la formazione tecnica a favore delle professioni di servizio. Secondo Éric Trappier, CEO di Dassault Aviation,[il sistema educativo ha molto a che fare con questo]: "Il sistema educativo nazionale dovrebbe rendersi conto che ha il dovere di guidare le persone verso i settori che ne hanno più bisogno.

Carenza di competenze nelle fabbriche francesi
Carenza di competenze nell'industria

Ma non è tutto. Questa carenza di competenze è anche fortemente legata al fatto che l'industria si basa su tecnologie sempre più avanzate, richiedendo quindi conoscenze scientifiche e matematiche avanzate.

Per esempio, le competenze più ricercate includono l'intelligenza artificiale, lo sviluppo del software e il cloud digitale. Anche le competenze manifatturiere più tradizionali (lavorazione, assemblaggio, gestione della qualità, ingegneria di processo, ecc.) soffrono di una carenza di candidati.

Di conseguenza, c'è un urgente bisogno di ripensare completamente il sistema di formazione. Finora, la trasmissione delle conoscenze si è concentrata sul know-how tradizionale, a scapito delle competenze legate agli strumenti digitali.

Come è possibile garantire la competitività delle fabbriche in questo contesto?

La gestione delle competenze in risposta alle sfide di competitività dell'Industria 4.0

Il mantenimento della competitività delle fabbriche 4.0 si basa soprattutto sui dipendenti che vi lavorano. Ecco perché è essenziale rendere più attraenti i posti di lavoro nell'industria, in particolare rivalutando i salari e permettendo agli operatori di seguire una formazione continua.

All'interno, il GPEC (gestione lungimirante dei posti di lavoro e delle competenze) svolge un ruolo essenziale. Cosa c'è in gioco? Che ogni azienda sia in grado di mappare con precisione le proprie competenze, al fine dianticipare i bisogni di formazione e di reclutamento. Infatti, l'evoluzione delle tecnologie utilizzate nelle fabbriche implica che i dipendenti devono essere versatili, soprattutto di fronte a macchine sempre più sofisticate.

Tuttavia, molti attori del settore lottano per gestire efficacemente le diverse competenze dei loro team. In pratica, la gestione delle competenze è più spesso fatta tramite fogli di calcolo Excel che sono difficili da aggiornare. Inoltre, si stima che l'80% degli operatori non hanno computer a disposizione. Non c'è da stupirsi che gli aumenti di produttività siano un vero grattacapo per i manager: il modo di gestire i team è lo stesso dagli anni 90.

La necessità di digitalizzazione diventa quindi sempre più pressante per soddisfare le esigenze dell'industria di domani. Da un lato, le fabbriche hanno interesse a formare i loro dipendenti ai nuovi strumenti tecnologici. D'altra parte, hanno bisogno didotarsi disoluzioni moderne per guadagnare in produttività. Comunque sia, il segreto della competitività delle fabbriche del futuro sta in una parola: persone.

In sintesi

Nell'era della fabbrica 4.0, la riconquista industriale della Francia è necessaria per garantire la sovranità del paese. La reindustrializzazione non avverrà da un giorno all'altro e richiede un lavoro reale per rendere i posti di lavoro industriali più attraenti. L'educazione nazionale ha un ruolo importante nel mettere in evidenza i corsi di formazione che portano a questi lavori. Le aziende hanno un ruolo altrettanto importante in questo processo di reindustrializzazione. Sta a loro implementare strategie per attrarre e trattenere i talenti. Ciò richiede, in particolare, un aumento dei salari, una migliore gestione delle competenze interne e una formazione continua, che garantisca l'occupabilità degli operatori.

Iscriviti alla nostra newsletter

chevron-down-circle